Il Ministero dei Beni Culturali ha stilato la classifica dei munumenti italiani più visitati nello scorso anno 2016: al primo posto, il Pantheon, con 7,4 milioni di visitatori, mezzo milione in più rispetto al 2015.

Al secondo posto, sempre a Roma, il circuito archeologico Colosseo-Foro Romano-Palatino, mentre al terzo posto gli scavi di Pompei.

Perché il Pantheon?

Quali sono i motivi di attrazione del Pantheon?

  • Iniziamo dicendo l’entrata è gratuita, a differenza dei siti collocati al secondo o al terzo posto della classifica;
  • rappresenta la massima espressione della gloria di Roma;
  • è la costruzione romana rimasta maggiormente intatta nei secoli;
  • all’interno sono conservate le tombe del Re Umberto I, del Re Vittorio Emanuele II e della Regina Margherita di Savoia, assieme anche a quella del famoso pittore Raffaello Sanzio;
  • la sua cupola è interamente in muratura ed è la più grande in tutta la storia dell’architettura romana

Un po’ di storia

Il Pantheon fu costruito da Agrippa, architetto e genero di Augusto, tra il 27 a.C. ed il 25 a.C., come tempio per gli Dei e per il sovrano.

Successivamente, esso venne ricostruito da Adriano fra il 118 d.C. ed il 125 d.C., che sull’architrave ha fatto incidere la frase “M. Agrippa L. F. Cos. Tertium fecit”, ovvero “Marcus Agrippa Luci filius consul tertium fecit”: lo costruì Marco Agrippa, figlio di Lucio, nell’anno del suo terzo consolato.

Nel 608 papa Bonifacio IV fece collocare al suo interno le ossa di molti martiri prelevate dalle catacombe cristiane ed il tempio divenne ufficialmente Cristiano, acquisendo il nome di Sancta Maria ad Martyres.

Elementi architettonici

I tre elementi principali che costituiscono il Pantheon sono:

  • Un prònao costituito da tre file di otto colonne, sormontato da un timpano
  • un grande corpo cilindrico
  • una cupola emisferica, la più grande dell’antica Roma, sostenuta esclusivamente dal corpo cilindrico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *